LE PERSONE

armonia
rovati
Luca Rovati
Vice Presidente
sad
Francesco Chiappetta
Vice Presidente
gtimaldi
Alessandro Grimaldi
Amm. Delegato
sad
Dario Cenci
Partner
petrone
Raffaele Petrone
Jr Partner
bernini
Chiara Bernini
Associate
manghi
Stefano Manghi
Associate
diaz
Francesco Chiappetta Vice Presidente
TRACK RECORD
BIOGRAFIA

  • Senior Advisor Governance di Pirelli & C. S.p.A. di cui è stato precedentemente General Counsel e Direttore Affari Generali e Istituzionali.
  • Già General Counsel e Segretario del Consiglio di Telecom Italia S.p.A.
  • Chairman del "Company Law Working Group" di BusinessEurope – The Confederation of European Business (già UNICE).
  • Già membro dell'Advisory Group on Corporate Governance and Company Law della Commissione UE.
  • Avvocato, Docente di Diritto Societario presso l'università Luiss di Roma e di Corporate Governance presso l'Università Cattolica di Milano.
  • Già membro di numerosi CdA di primarie aziende italiane: Autogrill S.p.A., Camfin S.p.A., Prelios S.p.A., Ieo – Istituto Europeo di Oncologia.

OLIVETTI / TELECOM

  • Target
    - Gruppo con un fatturato oltre 31mld€, un risultato operativo di 6mld€, un patrimonio netto sopra i 20mld€, più di 100mila unità di personale.
  • Operazione
    - Nel 2003 avviene la fusione per incorporazione di Telecom Italia S.p.A. nella sua controllante Olivetti S.p.A. che si configura come la più importante fusione tra società quotate mai realizzata fino ad allora sul mercato italiano.
  • Attività svolte
    - Piena "contendibilità" della società risultante dalla fusione e maggiore liquidità del titolo.
    - Migliore efficienza fiscale e finanziaria del Gruppo.
    - Miglioramento del credit rating.
    - Predisposizione e sviluppo di un modello di corporate governance in linea con le best practices internazionali.

TELECOM / TIM

  • Target
    - Gruppo con un fatturato di 12,9mld€, un risultato operativo di circa 4mld€, un patrimonio netto sopra i 8mld€, più di 90mila unità di personale.
  • Operazione
    - Tra dicembre 2004 e giugno 2005 avviene la fusione per incorporazione di Telecom Italia Mobile S.p.A. nella sua controllante Telecom Italia S.p.A. che costituisce il momento conclusivo della complessiva riorganizzazione del Gruppo Telecom.
  • Attività svolte
    - Semplificazione della struttura proprietaria.
    - Miglioramento della situazione patrimoniale e finanziaria.
    - Sinergie industriali grazie alla gestione integrata delle attività di telefonia fissa e mobile.
    - Modifiche al sistema di corporate governance in linea con le best practices internazionali.

TELECOM

  • Target
    - A partire dal 2006, il Gruppo inizia a valutare un percorso di ampliamento di orizzonti e di strategia e nell’individuazione di possibili partner industriali internazionali.
  • Operazione
    - Dopo varie trattative (Gruppo Murdoch, Telefonica, AT&T e America Movil) nell’ottobre 2007, prevale la soluzione di una cordata (Telco) composta da Mediobanca, Generali, Intesa Sanpaolo, Sintonia e Telefonica.
  • Attività svolte
    - Realizzazione del passaggio alla c.d. media company in linea con i migliori player internazionali e con i cambiamenti tecnologici in atto.
    - Sinergie di costi e sviluppi internazionali.

CAMFIN / PIRELLI

  • Target
    - Camfin, storico azionista di riferimento di Pirelli con il 26,2% del capitale ordinario.
    - Nell’estate 2012, a causa di insanabili contrasti, si interrompe la partnership tra la famiglia Tronchetti Provera e la famiglia Malacalza relativa alla società.
  • Operazione
    - 2013: costituzione della Lauro 61, veicolo creato da Nuove Partecipazioni S.p.A., Clessidra, Intesa SanPaolo e Unicredit.
    - 2013: OPA di Lauro 61 su Camfin e delisting.
    - 2014: ingresso della società russa Rosneft Oil Company con uscita di Clessidra e, per parte delle quote, di Intesa SanPaolo e Unicredit.
    - 2015: lancio dell’OPA su Pirelli tramite una BidCo di maggioranza Chem China, seguita dai soci di Camfin, incluse banche e Rosnefit
  • Attività svolte
    - Stabilizzazione dell’assetto azionario di Pirelli.
    - Completamento della transizione di Pirelli da società a «controllo famigliare» a public company proiettata sui mercati internazionali.
    - Cospicua valorizzazione per i soci usciti nel 2014: 1,8 volte il capitale investito.